Cantieri momentaneamente fermi, non sappiamo ancora per quanto.

Tempo di riflessioni, sul futuro ma anche sulla situazione cittadina allo stato attuale, al netto del virus e delle sue conseguenze socio-economiche.


Importante e utile in questo senso è il resoconto dello stato in cui versa la rete delle piste ciclabili comunali, che è ben diverso da come ci è stato venduto in questi ultimi cinque anni. E che risulta evidente, tra parentesi, a chi è assiduo utilizzatore della bicicleta in città.

Il traffico automobilistico resta il grande favorito, a scapito della mobilità leggera e sostenibile.


Ci permettiamo di aggiungere che poco o niente si è fatto, in alcune zone, anche per i pedoni, che si trovano a camminare letteralmente sulla sede stradale in tratti estremamente pericolosi.