Brugnaro piange sui cocci del turismo, ma non intende cambiare rotta.

Imparare dagli errori non è nel suo stile.

Il turismo: manna economico elettorale coltivata per un quinquennio in faccia al mondo che osserva inorridito il degrado della città. Settore a cui tanti, troppi cittadini si sono dovuti convertire in mancanza di altro, si sono dovuti adattare, spesso sacrificando competenze che avrebbero potuto trovare spazio e gratificazione se per la città si fosse pensato anche altro, se chi la amministra l'avesse voluta diversa, vera. Il sindaco chiede soldi, ancora. E chiede l'estensione della cassa integrazione per chi lavora nel comparto turistico. Lui, esperto del mondo del lavoro, si accorge solo oggi che il turismo non dà garanzie ai lavoratori, e sembra inoltre dimenticare che molti non avranno comunque diritto a quella copertura perché ingaggiati con forme contrattuali diverse e rischiose, o addirittura in nero, e non certo per loro scelta. Per quest’anno è vita grama, ma per il prossimo la parola d'ordine è: come prima e più di prima. Turismo ad oltranza a coprire i vuoti del coronavirus. Questa la ricetta del primo cittadino. A questa prospettiva rispondiamo: no! Abbiamo bisogno di un cambiamento radicale, di una visione nuova, e sana, della città, prima che sia troppo tardi.


Così su "La Nuova":





Supporta la nostra causa

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Resta sempre aggiornato sulle ultime novità
GIOVANNI ANDREA MARTINI SINDACO
  • White Facebook Icon
  • White Twitter Icon
  • White Instagram Icon

Campiello Mosca, 22

Santa Croce, Venezia, VE 30135

Ruga Giuffa, 4745 Castello, Venezia VE 30135

Via Castellana, 234/d

 Trivignano, Venezia, VE 30174

Via Bellini, 17

Mestre, Venezia, VE 30171

Via Triestina, 54 Favaro Veneto, Venezia, VE 30173​


info@tuttalacittainsieme.it