top of page

Assemblea in Pescheria a Rialto: il racconto di chi c'era

Sensazioni e commenti da parte di chi ha assistito all'assemblea del 15 giugno alla loggia della pescheria di Rialto

Un momento dell'incontro a alla pescheria di Rialto
Un momento dell'incontro a alla pescheria di Rialto

Il 15 giugno alle ore 18, sotto la loggia della pescheria di Rialto si è svolta l'assemblea promossa dall'associazione Tutta la Città insieme! con tante altre Associazioni tutte con l'obiettivo del no ticket, della salvaguardia di Venezia e della sua laguna, e dei residenti con tutte le problematiche che l'overtourism comporta. Ci sono tanti interventi e tanto pubblico.


Siamo nella parte della loggia vicino al Canal Grande, ci sono quattro archi a destra, di fronte e a sinistra, fanno da vedetta sulle bricole alcuni gabbiani, qualche piccione e dall'altra parte del canale i palazzi veneziani che si specchiano nell'acqua del Canal Grande.


Sembra che qualcuno abbia usato tutti i colori della terra e del cielo per dipingere la cornice di questa assemblea. Un rintocco di campane fa volare i gabbiani e a noi alzare gli occhi verso il cielo scoprendo così altri colori. Non si può non pensare che questa bellezza rende lieve anche la più agguerrita delle assemblee. Il ticket è un fallimento, i turisti anziché calare aumentano, gli appartamenti sfitti vengono adibiti a B&B. Chi non ha uno stipendio alto deve trovare un'altra residenza, ma non a Mestre, perché anche Mestre, fiutando il business, ha trasformato le case sfitte in B&B.


Gli scavi della laguna per ospitare le grandi navi continuano. Una cicogna ci porta due nuovi alberghi per un totale di duemila turisti al tronchetto e così via. Non c'è da stare allegri e un rappresentate di un comitato ha detto che tutto ciò gli ricorda "morte a Venezia". Ma non è il caso di essere così pessimisti. Morte a Venezia è stato scritto nel 1912 e Venezia è ancora viva e fino ad oggi si è salvaguardata. L'effetto di Venezia sulle tante assemblee e manifestazioni all'interno dei suoi meravigliosi palazzi e all'aperto con tutte quelle cornici dovrebbe convincere chi la governa a valutare principalmente l'aspetto benefico della bellezza.


Antonietta di Paola

Commentaires


bottom of page