La nostra solidarietà ai lavoratori dello spettacolo.

La nostra solidarietà ai lavoratori dello spettacolo veneziani che ieri, primo maggio, hanno messo in atto una mobilitazione, con esposizione di striscioni in alcuni punti della città, volta a tenere alta l'attenzione verso tutte e tutti coloro che operano in quel mondo producendo cultura e economia, ma che non godono di alcuna forma di tutela, e che sono particolarmente colpiti dall'emergenza. Nell'immediato e in prospettiva futura.


Ad oggi non si sa quando, né come, teatri e altri spazi destinati alla fruizione della produzione artistica performativa potranno essere riaperti al pubblico. Quando e come il mondo dello spettacolo ripartirà.


Un'altra criticità, quella della precarietà e della mancanza di tutele per molte e molti di coloro che operano nell'ambito della cultura, in Italia (nel mondo dello spettacolo, nell'editoria, nel comparto museale, nelle arti visive), che l'emergenza covid19 ha portato alla ribalta, ma per cui non sono in vista soluzioni strutturali.


Un sostegno economico, nella situazione attuale, è quanto mai necessario.