L’iter del nuovo inceneritore a Fusina prosegue il suo cammino.

Leggiamo che l’iter del nuovo inceneritore di ECOPROGETTO a Fusina prosegue il suo cammino, nonostante la drammatica situazione della pandemia, nonostante il disastro ambientale di venerdì scorso, nonostante la richiesta di più parti sociali e politiche di fermare un progetto del quale è evidente la assoluta mancanza di trasparenza.


La capacità di trattamento di rifiuti progettata è ben superiore alle esigenze del territorio, cosa che fa presagire l’ipotesi dell’importazione da altrove di materiali da bruciare. A sostegno del progetto si fa riferimento spesso all’esperienza virtuosa nella gestione rifiuti della Danimarca. Bene: proprio in questi giorni il governo danese ha deciso di puntare alla riduzione, al riciclo e al riuso per proseguire la propria “exit strategy” dall’incenerimento, già iniziata nel 2014.


Così deve fare la nostra città: Venezia, e Marghera in particolare, subirebbero altrimenti l’ennesimo attentato alla salute e all’ambiente, in un’ottica, in tema di smaltimento, per di più sorpassata ed obsoleta.


Marghera non deve essere la pattumiera della Regione Veneto.


Alessandra Bardelle – Gruppo sostenibilità di “#Tuttalacittàinsieme!”


GIOVANNI ANDREA MARTINI SINDACO
  • White Facebook Icon
  • White Twitter Icon
  • White Instagram Icon

Campiello Mosca, 22

Santa Croce, Venezia, VE 30135

Via Castellana, 234/d

 Trivignano, Venezia, VE 30174

Via Bellini, 17

Mestre, Venezia, VE 30171


info@tuttalacittainsieme.it