top of page

In tempi di coronavirus, proseguono gli incontri digitali di "Tutta la Città insieme!".

Non sono quelli che ci piacciono, ma, al momento, sono gli unici possibili.

Permettono, comunque, come è successo anche lunedì, di ascoltare tantissime voci e di inquadrare temi e di individuare soluzioni.

Si è parlato di Mestre e del rilancio del centro urbano, delle conseguenze del coronavirus e del reddito di quarantena, si è convenuto come in città occorra produrre un cambiamento profondo. La diversificazione del lavoro, l’equilibrio tra la tutela della proprietà e il diritto alla residenza, le scelte precise di attenzione alla salute e all’ambiente, il recupero della qualità della vita nella città d’acqua e di terra. Cambiare si deve. Per la nostra città e per il mondo. Il mondo che da Venezia può ricevere e a Venezia può dare. È il momento di far diventare “Venezia laboratorio del mondo”.

È per questo che sono attivi dieci gruppi di lavoro di “Tutta la Città insieme!” che si confrontano con incontri ristretti, ma che in fb ricevono, da gruppi aperti, spunti e idee dalla città.

Questo delle videoconferenze e dei gruppi fb permette, per quanto oggi possibile, di raccogliere quanto la città pensa e di tradurlo in linee di programma aggiornate e condivise.

Comentários


bottom of page