Guerra aperta nel Consorzio Mose.

Non sulla funzionalità dell’opera ma sugli appalti, o subappalti.


Fino a che il Consorzio Venezia Nuova, affidatario di tutto, garantiva progetti e opere in perfetta autonomia operativa, prescindendo anche dalle regole di trasparenza sui lavori pubblici in appalto introdotte dopo la concessione universale ricevuta, il problema di gestire i lavori al di fuori del recinto non si poneva proprio. E i subappalti potevano anche avvenire speditamente a trattativa privata.


Coi commissari la prassi è saltata, assieme al Cda del Consorzio, e i commissari hanno proceduto ai nuovi lavori col metodo di gara oggi vigente, che, tra le altre cose, prevede verifiche sulle nuove imprese affidatarie e sugli eventuali lavori in subappalto.


Ci si chiede se sia questo il motivo scatenante dell’ennesimo conflitto sollevato da un’opera già abbastanza controversa.


E se entrare per la prima volta dentro una procedura ordinaria di appalto costituisse un vulnus piuttosto che una garanzia?

Supporta la nostra causa

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Resta sempre aggiornato sulle ultime novità

S. Croce 251 – 30135 Venezia

C.F. 94099430277

info@tuttalacittainsieme.it